La fantascienza come genere narrativo

Posted by on Dic 30, 2015 in EDITORIA |

La fantascienza è un genere letterario narrativo che ha le sue radici nel romanzo scientifico e che è nato e si è sviluppato in parallelo all’affermarsi della scienza.

La storia del genere fantascientifico

I primi romanzi di fantascienza apparvero intorno alla fine del 1800, caratterizzandosi come romanzi scientifici, il cui contenuto narrativo, era collocato in una dimensione oltre la realtà oggettiva dei fatti. E’ in questo periodo che appaiono i romanzi di Jule Verne come “Viaggio al Centro della Terra” e “Ventimila leghe sotto i mari”, che diveranno pietre miliari della letteratura 90942h-GCK1RFBHdel XIX secolo. In contemporanea alle opere di Verne, ebbero, un rilievo internazionale i romanzi di Wells, come ” La guerra dei mondi” e ” L’uomo invisibile”, opere che, come quelle di Verne, sono state riprese attualmente in chiave cinematografica. Tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX i romanzi scientifici, che si caratterizzavano per il loro contenuto fantastico e la brevità della narrazione, videro altri importanti nomi come quelli di Butler, Doyle e Dickesens. Ma il genere letterario ebbe il suo momento di rilievo sopratutto negli anni 40 e 50 sopratutto ad opera dei scrittori americani che, se da un lato, come fece Matheson, con il romanzo fantascientifico portavano avanti una critica verso la società minata dalla paura della scienza e dei suoi pericoli, dall’altro, come Boucher, si ponevano come unico obiettivo quello di migliorare il filone fantascientifico. Verso gli anni 80, i romanzi di fantascienza si centrano sulla dimensione extra terrestre e futuristica e, successivamente, con l’avvento dell’era informatica, sulle tematiche virtuali.

Caratteristiche del genere fantascientifico

Il genere fantascientifico si caratterizza per i suoi contenuti narrati in una chiave al di là della scienza: partendo dal momento scientifico vissuto in un determinato periodo storico e sociale, questi romanzi, hanno portato il lettore in dimensioni legate a mondi alternativi o futuri, a incontri con esseri viventi diversi e a finali inaspettati. Uno dei temi sempre attuali è stato, nel romanzo di fantascienza, quello del viaggio nel tempo, un viaggio realizzato con una speciale macchina o da un’astronave nello spazio, dove l’uomo ha la possibilità di vivere l’irrealizzabile: andare oltre la propria limitata fisicità nello spazio e nel tempo, per poter realizzare ciò che, nella realtà, è possibile solo attraverso i sogni.

Read More

Perseo Libri Edizioni

Posted by on Dic 30, 2015 in EDITORIA |

Libro-280x187La Perseo Libri Edizioni è stata una casa editrice che si occupava della pubblicazione di opere appartenenti al genere fantascientifico.

Storia della Perseo Libri Edizioni

La casa editrice nacque a Bologna nel 1964, e da subitò si caratterizzò per la scelta di favorire l’affermazione degliscrittori non anglo-americani, dando vita a due riviste: “Futuro Europa” e ” I narratori europei di science fiction”. Solo negli anni 80 si caratterizzò per la pubblicazione di opere fantascientifiche anche grazie alla collaborazione di figure che divvenero nomi importanti nella letteratura della fantascienza, come Mongini e Aldani. Nel 2007 la Perseo Edizioni dovette cessare la sua attività e fu rilevata per intero dalla casa editrice Elana che si è impegnata a portare avanti le collane e le riviste della Perseo.Nonostante questo triste epilogo, la Perseo Edizioni è stata una casa editrice che ha ampliato nel tempo le sue iniziative e pubblicazioni riscutendo un importante riconoscimento per il grande lavoro editoriale svolto in oltre 40 anni di attività.

Pubblicazioni della Perseo Libri Edizioni

Le pubblicazioni della Perseo Libri Edizioni rientravano in collane specifiche tra cui: Narratori Europei di Fantascienza( dedicata agli scrittori del settore), Storia della Fantascienza (collana che raccoglie la storia di questo genere letteraio in tutto il mondo), Fantascienza Saggi ( che documenta il genere fantascientifico, oltre che nella letteratura, anche attraverso i canali musicali e cinematografici). Tra i romanzi pubblicati dalla Perseo Libri ricordiamo, “La Grande Morte ” della scrittrice russa Nathalie Charles-Hennemberg e “Semen” di Bruno Vitiello.

Foto: inacio pires – Fotolia

Read More

L’utilizzo dei macchinari di stampa nel mondo editoriale

Posted by on Dic 30, 2015 in EDITORIA |

Macchinari di stampa

1Il mondo dell’editoria e quello della stampa sono sin dagli albori, e probabilmente sempre lo saranno, legati a doppio filo. Nonostante vi sia un utilizzo sempre più massiccio dei libri in formato elettronico, la stampa di pubblicazioni cartacee rimane un settore trainante dell’editoria, e si avvale di macchinari e consumabili di alta qualità.

Le principali tipologie di stampa: laser e offset

Attualmente la stampa editoriale si divide in due tipologie principali, ovvero la stampa offset e quella digitale. La stampa offset deriva direttamente dalla litografia che si utilizzava agli albori della carta stampata, e consiste nel trasferimento di testo e immagini su particolari lastre il cui contenuto, successivamente, verrò trasferito sulla carta per mezzo dell’inchiostro. La stampa digitale, al contrario, non prevede la realizzazione di tali lastre ma è basata su macchinari che stampano direttamente su un supporto cartaceo per mezzo di segnali digitali ricevuti da barre led a 96 oppure a 128 bit. Tra stampa digitale e offset, oltre alle differenze prettamente tecniche, vi sono anche diversi ambiti di applicazione. Per giustificare i costi di una stampa offset è infatti necessario poter contare su un elevato numero di copie, mentre le stampe di tipo digitale possono essere realizzate a basso costo anche con poche copie. Quando si parla di tirature notevoli la stampa offset è ancora quella più vantaggiosa, per via del rapporto costo/copia più contenuto rispetto a quello della stampa digitale.

I consumabili per la stampa, fra toner e inchiostri

L’inchiostro utilizzato nelle stampanti professionali è realizzato appositamente per questi dispositivi, ed in particolare nelle stampanti offset si utilizzano inchiostri a base oleosa. La scelta degli inchiostri da utilizzare è decisiva nel risultato finale che si vuole ottenere: infatti solo utilizzando consumabili di qualità è possibile avere stampe nitide e ben definite, con una resa cromatica ottimale. Tipicamente gli inchiostri per la stampa si possono acquistare presso i negozi specializzati, ma sempre più persone scelgono i siti di e-commerce sui quali è possibile trovare un’ampia varietà di scelta e prezzi vantaggiosi. Per ulteriori informazioni relative ai consumabili utilizzati per la stampa ed al loro acquisto su internet, si consiglia di cliccare sul seguente link: www.toner24.it.

Foto: leno2010 – Fotolia

Read More
scriptsell.neteDataStyle - Best Wordpress Services